Categorie
Nuovi
Popolari

Come si risana l’Azienda

I principali obiettivi del piano di risanamento sono: ristabilire l’equilibrio economico dell’azienda; riequilibrare la struttura patrimoniale e finanziaria. Le perdite causano sempre il disfacimento delle risorse finanziarie; perciò, per risanare l’azienda, occorrerà ricostituire la struttura iniziale. Gli interventi avranno una diversa consistenza a seconda dei casi, ma tenderanno tutti ad un triplice obiettivo:

Ristabilire l’equilibrio patrimoniale, cioè l’adeguatezza dei mezzi propri rispetto alle dimensioni aziendali rappresentate dal totale degli investimenti, dal totale dei debiti e dal giro d’affari;

ristabilire le appropriate relazioni tra le grandi categorie di investimenti e di fonti finanziarie: da un lato, gli investimenti duraturi più gli investimenti a rapido rigiro (scorte e crediti); dall’altro, capitale proprio, debiti a medio-lungo termine e debiti che si rinnovano per rotazione;

ristabilire una idonea dotazione di liquidità, rappresentata sia dai mezzi liquidi che dalla disponibilità di affidamenti.

Nelle aziende in difficoltà, correggere gli squilibri patrimoniali e finanziari è tutt’altro che facile. Il ricorso al capitale proprio, attraverso nuove sottoscrizioni, è praticamente impossibile, se non è accompagnato dalla contemporanea cessione del capitale di controllo. Le stesse considerazioni vanno fatte circa la possibilità di accendere un prestito obbligazionario o dei finanziamenti a medio-lungo termine.

Con il susseguirsi delle perdite, l’azienda cessa di essere ritenuta affidabile da terzi e dagli istituti di credito. I pochi casi in cui aziende in perdita riescono ad ottenere affidamenti sono caratterizzati da condizioni di credito fortemente sfavorevoli, che impongono la ricerca di altri mezzi di finanziamento. I principali rimedi sono:

    • ristrutturare il debito attraverso l’allungamento delle scadenze o stralciare il debito attraverso gli istituti giuridici di gestione della crisi (Piano attestato, Concordato preventivo, etc.);

 

    • disinvestire le immobilizzazioni o le partecipazioni che non siano giudicate essenziali per l’attività aziendale e per lo sviluppo futuro dell’impresa;

 

    • ridimensionare i settori ed i prodotti in perdita, oppure contenere i volumi di attività;

 

  • cedere a terzi la gestione di una parte delle attività redditizie, delle quali si continua a mantenere il controllo.

Info Autore:
Walter Paolo Lorenzi
Scheda autore su CS
(Originale)

Discussione — Nessuna risposta